l’Urbe 

fughe di cervelli

mi trainano le lacrime

/

le verità di roma

caldi cicli mestruali

alterni e doloranti

strade chiuse 

le mia parole

vie i miei polpastrelli 

/
arresta il mio moto 

e ammutolisci le mie ambizioni

/
(insegnami a lamentarmi

a disprezzarti sui gruppi online

a lanciare le peroni nel Tevere)

taglia il mio privilegio

con l’affetatrice arruginita 

rendimi tua

lasciami vagare

e scrivere di fatalismo

lasciami morire

e piangermi al Verano 

chiedimi in sposa

e io non ti tradiró 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...