Il Profeta (’14)

Schermata 2017-01-22 alle 14.30.14.png
by Katrin Korfmann

IL PROFETA

(SOTTO LA PIOGGIA)

I

Siete imbriachi di rum
E va bene così
Come se tre lettere
R-u-m
Avessero inghiottito
Tutto il Dolore del mondo

Una bestemmia per Dio
Vale come una promessa
Un preghiera per Dio
Vale poco più che un pianto

II

Che liberazione
Vedere il mondo
Sparito nel nulla
E tu che vaghi
aspettando
Il ritorno
Della modernità

Perché ora abbiamo
Spento Tutte le luci
Che illuminavano la città?

E noi esseri o bestie
Che ci nutriamo di natura
Giochiamo giochiamo
Ha vinto la notte
Il lotto delle diciotto e trenta

III

Il terzo numero
Che ci guarda dall’alto
Della sua perfezione
Come sue pallide ombre
Come ride degli squarci
Nel cervello

IV

La notte ride in faccia al dolore
I topi che divorano paure
Son stati soppressi da tempo
I castelli di carta
Smaniano per la pioggia

V

Pioverà
Anche oggi,
Pioverà.
E giungerà la liberazione
Il profeta si scuserà
Per l’eterno ritardo

Abbiamo pianto così tanto
Per quelle lacrime
Trattenute
Chissà quale ninfa sarebbe nata
Da tanto dolore

Oh voi Muse
Dell eterno globo
E noi consapevoli oboi
Del globo
Di questa ridente orchestra
Siamo elementi scordati
Scordanti
Per volere o destino

IL PROFETA

(MALEDICE IL SOLE)

I

Ah lui è l’essere umano
L’eterno ritorno
Verso il modello
Il cassetto in cui
Vorremmo dormire
Con la morbidezza
Delle piume di pavone
e le budella riscaldate

Che omicidio il sesso
Ha creato un torneo
A ciclo unico
Quanti abbiamo perso
Il gioco della pace
Tu che aspetti la guerra
Ginnasta di anime

II

Le massime che diventano
Imperativi categorici
Questo è il sogno italiano
Questa è la dolce vita
Prendi i mattoni
E inizia a costruire
Troverai un castello
Gia lucidato

Le speranze
(Che velocità!)
Avete l’accesso alle super strade
E alla carne
Ah sei hai colpito la carne
Cuoci la pioggia
Sulle padelle dell’anima
Vincono le uova marce
Puzzano di vero
(Adoro brillare di falsità)

III
La crisi dei materiali
Lo sciopero degli operai
La decandenza del sistema
L’età dell’oro
Che mangia meglio
A casa

Non bussa alla tua porta
Il profeta
Lui, povero martire
Bruciato al Sole

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s