soliloquio

“Voglio comprare oggettistica da Tiger e vesiti da Uniqlo. Voglio arredare la mia casa da IKEA e comprare qualche mobile usato al mercato d’antiquariato la domenica mattina. Così per dare alla mia vita un tocco personale. Voglio avere tutti gli appuntamenti fissati annualmente: una volta al mese la ceretta, una volta a settimana i capelli, una volta ogni due le unghie. La prima domenica del mese volontariato e museo, la seconda gita, la terza mercantini e passeggiate, la quarta brunch a casa con ospiti vari. Voglio amare la musica sperimentale e capirla davvero, o almeno credere di capirla. Voglio pensare al passato senza ricordarlo, voglio non sapere come mi trovo qui. Voglio imparare a perdonare. Voglio av-”

“Voglio far due chiacchere con Adamo ed Eva. Io, sai, non ho mai saputo nulla di religione, sapevo solo di questi due sì, ma non ho mai capito quanto il peccato originale -concentualmente certo- penetrasse nella nostra vita di tutti i giorni. Peccato originale è il movente che attribuiamo alla nostra spensieratezza. È il fattore ‘fortuna’ in economia dello sviluppo. E’ quella mano invisibile che mi spinge ora lontana da te. Senza davvero alcun motivo, solo per sentimento, solo per qualche battito d’ali, solo come atto d’espiazione.”

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s